Carta dei Servizi 

 

La Cooperativa il Vomere gestisce due servizi diurni per disabili:

  • Il C.D.D. (Centro Diurno Disabili) accoglie, alla conclusione della scuola dell’obbligo, 30 utenti che soffrono di disabilità gravi e gravissime. Gli operatori presenti nel centro  sono 15, nella sede in  zona Averolda a Travagliato.

Si svolgono le seguenti attività:

  1. MANTENIMENTO – E’ opportuno dare un maggior rilievo a questo concetto. Infatti recenti studi hanno confermato, nella disabilità adulta,  la perdita di capacità cognitive, una tendenza ad un deperimento psicologico che dobbiamo fare in modo che non si manifesti patologicamente. Quindi ancora prima che sul concetto di cambiamento, il CDD si baserà su quello di mantenimento per fare in modo che regressioni non incidano troppo negativamente sugli utenti inseriti al CDD.
  2. PROGETTAZIONE – Adottiamo strumenti di valutazione dei comportamenti da assistere, educare o abilitare definiti  nella classificazione multi assiale icd-10 (International Classification of Diseases – Classificazione internazionale delle infermità) decisa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Le proposte assistenziali, educative e formative

Sono ancora organizzate in tre aree diverse:

  1. AREA ESPRESSIVE – forma e colore, teatro, musica, visioni, Danza
  2. AREA CURA DI SÉ – LABORATORIO MOTORIO – massaggi, relax, beauty, piscina, laboratorio motorio
  3. AREA DELL’APPRENDIMENTO – ABC, Prassi, computer, cucina, progetti sociali 

Schede quotidiane e rilevazione dei comportamenti problema

Oltre a queste iniziative sono avviati una serie di progetti integrati che prevedono l’utilizzo di schede specifiche che monitorino l’andamento dell’utente. La loro rielaborazione è  un altro lavoro dell’educatrice/tore di riferimento che consente di misurare realmente come sta andando la situazione, se vi sono dei miglioramenti, se le modalità individuate sono positive o se dobbiamo cambiare modo di operare.

Alle educatrici/educatori spetta:

  • Sorvegliare, assistere gli utenti inseriti al CDD
  • Predisporre gli interventi educativi, abilitativi in concerto con il responsabile e l’equipe
  • Predisporre la progettazione educativa
  • Mantenere in ordine le cartelle educative
  • Essere referenti per le famiglie
  • Essere referenti di un area
  • Partecipare ai lavori dell’equipe, alla formazione e alla supervisione

Assistenza e igiene

Oltre al lavoro educativo e abilitativo, il gruppo ASA sta portando avanti un programma di sostituzione del panno con cateteri non invasivi. Oltre a questo aspetto le ASA sono referenti quotidianamente dell’assistenza di coloro che hanno un maggiore bisogno di intervento assistenziale. In particolare ogni giorno debbono:

  • Preparare e frullare i pasti, imboccare gli utenti
  • Cambiare, lavare gli utenti con il panno
  • Seguire l’igiene dei denti degli utenti affidati
  • Pulire la sala mensa dopo pranzo e le stoviglie della mensa
  • Organizzare la lavanderia
  • Tenere puliti e ordinati i locali del CDD
  • Coadiuvare il compito delle educatrici/educatori nelle uscite e nella gestione dei gruppi
  • si pone tra i principali obiettivi di abilitazione, mantenimento e socializzazione dei suoi assistiti, Ruotare nei gruppi della piscina
  • Assicurare l’igiene periodica di alcuni utenti (doccia)

 

Il C.S.E. (Centro Socio Educativo) segue soggetti con disabilità lievi e di media gravità. Sono inserti presso la nostra struttura in Via Sturzo a Travagliato 17 persone disabili.

Le iniziative al CSE possono consentire una maggiore operazione di socializzazione e di sperimentazione nelle attività esterne.

Così come le maggiori capacità personali consentono di non avere uno stretto bisogno riguardo alle questioni legate alle funzioni dell’igiene (condizione per cui un utente debba essere autonomo per essere inserito).

Tra le attività interne troviamo:

  • LABORATORIO ESPRESSIVO E DI FALEGNAMERIA
  • CUCINA
  • RIORDINO DEI LOCALI ADIBITI A CUCINA
  • MANTENIMENTO DEGLI APPRENDIMENTI (utilizzo denaro, orologio, mezzi pubblici, servizi pubblici, saper scrivere correttamente)
  • ATTIVITA’ DI SUPPORTO AL NEGOZIO EQUO E SOLIDALE (realizzazione di bomboniere, partecipazioni, biglietti di auguri…)
  • EDUCAZIONE ALLA CURA DELLA PROPRIA IMMAGINE (per motivare i ragazzi ad avere un positivo rapporto con se stessi, per accettare in modo più sereno la propria condizione e, di conseguenza, il confronto con gli altri).

Tali attività rappresentano un primo ambito di osservazione  e di auto-osservazione dei ragazzi inseriti. Si possono osservare attitudini, capacità, desideri, limiti di ogni ragazzo/a per poter, successivamente, costruire con lui le basi per un PROGETTO  che andrà man mano a definirsi.

Tra le attività esterne  troviamo:

  • PISCINA
  • PALESTRA
  • USCITE SUL TERRITORIO PROGRAMMATE: BAR, CINEMA, CENTRO COMMERCIALE, NEGOZIO EQUO E SOLIDALE, MERCATO DI TRAVAGLIATO, BIBLIOTEC

PROGETTI STRAORDINARI

  1. a) Educazione alla Danza Teatro: già sperimentato lo scorso anno con successo, l’intento è quello di riproporre un “secondo livello” del laboratorio danza-teatro. Tale progetto si svolge settimanalmente per un’ ora e mezza chiusura del  e coinvolge la maggior parte degli utenti inseriti al Servizio alla presenza di una esperta in educazione alla teatralità e di un’educatrice. Si svolgerà da febbraio a giugno .
  2. b) Avvicinamento all’informatica: si tratta di un contributo volto all’acquisizione di conoscenze base dei programmi di video scrittura (per chi non ha conoscenze dell’uso del pc), della navigazione in internet e dell’utilizzo della posta elettronica (per chi ha già una conoscenza di base del pc.). Il progetto sarà realizzato nell’orario del servizio, coinvolgerà due gruppi di ragazzi suddivisi in base alle loro conoscenze pregresse e sarà gestito dalle educatrici.

 

Carta dei Servizi 2017.pdf

Scheda Elogio/Suggerimento.pdf

Scheda reclamo.pdf


Loading